J. Benoist (dir.), Le ragioni del senso, co-éd. G. Chiurazzi (Milano-Udine, Mimesis, 2010)

 

Una larga parte della filosofia contemporanea è stata determinata dalla domanda intorno al problema del senso: Wittgenstein e Heidegger, in particolare, insieme al loro – più o meno diretto – “padre comune”, Husserl, hanno sviluppato questo tema in maniera diversa, ma ponendo l’accento su quelle che qui chiamiamo “le ragioni del senso”, ovvero sulla necessità di ritrovare nel senso una ragionevolezza che eccede le condizioni restrittive della ragione scientifica.
Ma è del resto davvero possibile una contrapposizione tra ragione e senso? Come si complica il loro rapporto se per “senso’ si intende il contenuto intellettuale o la dimensione sensibile che, tradizionalmente, è stata appunto contrapposta alla ragione? In breve: che cos’è il senso?
Il titolo di questo libro, Le ragioni del senso, racchiude questo insieme di domande, che vi vengono declinate da un punto di vista linguistico, epistemologico, ontologico, esistenziale, antropologico, semiotico, offrendo una varietà di prospettive su quello che è forse il concetto più trasversale e meno localizzabile della filosofia, il concetto di senso.

Saggi di J. Benoist, G. Chiurazzi, R. Ehrsam, C. Gauvry, J. Grondin, S. Laugier, R. Mancini, R. Moati, M. Ruggenini, G. Salmon, C. Sini, P. Violi.

 



Citer ce billet
Pierre Fasula (2012, 1 octobre). J. Benoist (dir.), Le ragioni del senso, co-éd. G. Chiurazzi (Milano-Udine, Mimesis, 2010). EXeCO. Consulté le 23 mai 2024, à l’adresse https://doi.org/10.58079/omv0

Vous aimerez aussi...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search